Double Color - Menta & Lavanda

Buon inizio settimana, come ogni secondo lunedì del mese io e le altre partecipanti al Double Color, l'iniziativa organizzata da Sofia del blog Pensieri romantici, vi mostreremo una serie di progetti, con relativo tutorial per realizzarli, ispirati a una coppia di colori.

I colori scelti da Elena del blog Magic Bus per questo mese sono:

Menta & Lavanda

Per l'occasione ho realizzato un tutorial atipico per Ma Petite Maison, 
oltre che dai colori mi sono lasciata ispirare dagli odori e ho preparato un...


Oleolito alla Menta e Lavanda



Mint and lavender infused oil



DEFINIZIONE: l'oleolito è un olio cosmetico ottenuto lasciando macerare una o più piante officinali ( fresche o essiccate) in uno o più oli vegetali.

UTILIZZO: si può usare come olio da massaggio, aggiungerlo a creme per il corpo o per il viso, come idratante dopo bagno sulla pelle ancora umida e in questo caso anche come dopobarba o in piccole quantità su un batuffolo di ovatta per le pelli impure.

PROPRIETA': l'olio d'oliva è un ottimo idratante, la menta ha molteplici proprietà tra cui quelle analgesiche, antireumatiche, antisettiche, antinfiammatorie ed anti-pruriginose, la lavanda è lenitiva, decongestionante, tonificante, purificante, defaticante, antidepressiva, miorilassante, antireumatica, antinfiammatoria, antisettica, cicatrizzante, contro l'emicrania, diuretica, antiparassitaria, vermicida.





OCCORRENTE: 
  • Vaso  con coperchio
  • Olio d'oliva (ricco di antiossidanti e vitamina E)
  • Foglie di menta e fiori di lavanda provenienti da coltivazione biologica, essiccati o perlomeno fatti appassire al sole in modo che perdano gran parte della loro umidità 
  • Colino e Garza di cotone
  • Ciotola
  • Imbuto
  • Bottiglia di vetro scuro

PROCEDIMENTO:

Mettete i fiori essiccati di lavanda e le foglie di menta nel vaso, premendo per compattarli, assicurandovi che siano ben asciutti e ricopriteli completamente con l'olio d'oliva, fino a circa 1,5 cm prima della bocca del vaso.






Chiudete il barattolo con il suo coperchio e mettetelo sul davanzale assolato per 48 ore, avendo cura di agitarlo almeno un paio volte al giorno.
In seguito filtrate il tutto con l'aiuto di una garza di cotone e del colino, spremendo bene per recuperare tutto l'olio nella ciotola.





Aggiungete nuovi fiori secchi nel barattolo ricopriteli con l'olio filtrato aggiungendone altro se necessario per ricoprirli completamente, chiudete e rimettete al sole per 48 ore, agitando il vasetto per due volte al giorno. Ripetete questi passaggi sino ad ottenere l'intensità desiderata.
Filtrate un'ultima volta l'olio e mediante l'imbuto versatelo nella bottiglia di vetro scuro.





Etichettate la bottiglia scrivendo gli ingredienti usati e la data di produzione.
Si conserva per 6 - 12 mesi.   




Ora correte a vedere cosa vi hanno preparato le altre partecipanti al:





Antonella – Ghirlanda in carta


Buona giornata

post signature

28 commenti

  1. ciao Silvia, ma che idea splendida!!! Davvero un bel tutorial, originale ed interessante :-)
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sofia, mi fa piacere che tu l'abbia trovato interessante!
      Un bacione

      Elimina
  2. mmm mi pare di sentirne il profumo! ottimo lavoro! son davvero curiosa di provarlo!
    ciao Silvietta, un abbraccio

    Frà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova cara Frà...Sentirai!
      Un bacione

      Elimina
  3. Adoro questi intrugli ....bellissimo .....da prrovare sicuramente grazie delle info ... molto bella anche la tua confezione bacioni giusi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io cara Giusi, è ottimo anche quello all'Iperico per nevralgie, dolori articolari, contratture, scottature o bruciature, ma attenzione perché è fotosensibilizzante quindi non bisogna spalmarselo se ci si dovrà esporre alla luce diretta del sole!!!
      Un bacione

      Elimina
  4. Che meraviglia!! Non ci ho mai pensato di realizzare un olio così utile e profumato...grazie per averci regalato il tutorial.....ciao Lucia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia, esistono molti tipi di oleoliti, realizzati con erbe e fiori diversi e anche con metodi diversi, io vi ho mostrato questo che ho realizzato seguendo le spiegazioni della Scuola Italiana di Scienze Naturopatiche e sono contenta che l'abbiate apprezzato.
      A presto!

      Elimina
  5. Una splendida idea e soprattutto...una grande pazienza! Complimenti per il "lavorone"!

    RispondiElimina
  6. interessante!!!!!! sarei molto felice se passassi dal mio blog http://golosedelizie.blogspot.it/ ti aspetto presto :-)

    RispondiElimina
  7. Ciao da oggi ti seguo anch'io...il tuo blog è meraviglioso...davvero complimenti!!!^_^

    RispondiElimina
  8. E' stupendo questo tutorial! Interpreta il Double Color in un modo originale e secondo me bellissimo, ovvero non solo basato sui colori, ma anche sugli odori e sulle proprietà! E in più è qualcosa di molto utile, detto da me che sono una fan dei cosmetici naturali :)
    Veramente complimenti Silvia, mi è piaciuto un sacco questo post!
    baci :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giulia, sono molto contenta che ti sia piaciuto... Non sapevo se l'argomento poteva interessare i miei lettori :-)
      Un bacione

      Elimina
  9. Devo sicuramente provare.. perchè non ne ho mai fatti...!! seguirò tutte le istruzioni.. un saluto Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova e fammi sapere com'è venuto, io che non amo essere troppo unta lo utilizzo prima della doccia, magari per depilarmi tra una ceretta e l'altra, poi m'insapono, risciacquo e la pelle rimane morbidissima!
      Ciao

      Elimina
  10. silvia, ma oleolito è un nome che hai inventato tu? è la prima volta che ne sento parlare. E' sicuramente da provare, grazie per la ricetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Antonella, non l'ho inventato io, questa è la definizione che puoi trovare su Wikipedia:

      Gli oleoliti sono soluzioni oleose dei fitocomplessi curativi delle piante officinali.
      Possono essere ottenuti per soluzione da estratti fluidi liposolubili, per digestione solare, infusione e decozione, scaldando la pianta sino ad eliminare tutta l'acqua.
      Gli olii più comunemente usati per l'estrazione dei principi attivi delle piante sono l'olio di semi di girasole, l'olio di riso e l'olio d' oliva.

      Cercando su Google troverai oltre alla definizione, molti tutorial per realizzare oleoliti con altre erbe e fiori e anche con metodi diversi da quello che vi ho spiegato io.
      Baci

      Elimina
  11. Grazie per questa preziosa ricetta.
    L'ho pinnata subito. =)
    Daniela

    RispondiElimina
  12. Scusa il ritardo.
    Intanto grazie per questo post perchè è davvero utile.
    Io non ho mai provato, ma ti devo fare i complimenti perché hai saputo spiegare con chiarezza il procedimento.
    Un saluto!

    RispondiElimina
  13. Molto interessante! Grazie per essere passata da me e per le tue gentili parole!

    RispondiElimina
  14. Sono contenta di essere stata esaustiva nelle spiegazioni.
    Baci

    RispondiElimina
  15. chissà che profumo *-*
    se ti va passa da me: viviconvivi.blogspot.it

    RispondiElimina
  16. Ciao Silvia,
    ho apprezzato molto la spiegazione che hai dato su questo tipo di olio e sulle sue qualità ^-^
    Che bello questo tuo tutorial e poi è davvero utilissimo per realizzare un prodotto naturale per il nostro corpo.
    Brava davvero!!!
    Un abbraccio
    Nunù

    RispondiElimina
  17. ... più a tema di così! Ottima idea l'oleolito, e con quelle piante c'è l'imbarazzo della scelta su come usarlo!

    RispondiElimina