Lettres d'amour...

In questi giorni mi è  capitato di sfogliare per l'ennesima volta un volume che possiedo su Claude Monet,  la sua permanenza nella mia città e le opere da lui realizzate proprio qui tra il gennaio e l'aprile del 1884.
Molte sono le cose interessanti scritte in questo libro, oltre alle immagini dei quadri, tra queste mi incuriosisce molto la raccolta di lettere scritte dall'artista in quel periodo.
Vi riporto di seguito la traduzione di una di esse:

a Alice Hoschedé                                                                                                             29 gennaio 1884

Cara Signora,
Mi dispiace che siate rimasta un giorno senza notizie; non è colpa mia, credetelo; ogni sera preparo la mia corrispondenza e, la mattina dopo, appena sveglio, la faccio portare alla posta che è troppo lontana perché ci possa andare io stesso.
Ho dunque nuovamente raccomandato che le mie lettere vengano regolarmente impostate, perché una cosa simile non capiti ancora.
Io sono come voi e sarei molto infelice di rimanere un giorno senza notizie; qui ci sono diverse distribuzioni mentre nella nostra povera Giverny bisogna aspettare il giorno seguente notizie in arrivo da Vernon. Provo gli stessi vostri pensieri, quando ricevo vostre lettere con tre giorni di data, ma dobbiamo passare di là. Non lasciatevi mai andare a cattivi pensieri sul mio conto. Io sono tutto vostro, vi amo, penso solo a voi e non mi passa neanche per la testa di non volervi più amare. Sappiate chi sono e non dubitate mai.
Sono felice di sapere che Jacques e tutti stanno bene e ho fretta di sapere come è andato il vostro viaggio a Andelys.
Qui il tempo è meraviglioso e vorrei potervi mandare un po' di sole.Lavoro come un forsennato a sei tele al giorno. Mi accanisco terribilmente perché non arrivo ancora a cogliere il tono di questo paese; a momenti sono spaventato dai toni che devo usare, temo di essere estremo, e ciò nonostante sono notevolmente al di sotto; è terribile di luce. Ho già degli studi con sei sedute, ma è talmente nuovo per me che non riesco a terminare; la fortuna qui è di ritrovare ogni giorno il suo effetto e di poter proseguire e lottare con l'effetto. Così sono eccitato da ciò che faccio e ho sempre fretta di arrivare all'indomani per fare meglio.(...)
A proposito di mio fratello a cui ho scritto parecchi giorni fa', non mi avete mai detto se avete ricevuto il vostro burro da Rouen e se ne siete soddisfatta. Si, gli ho scritto  e sono stupito che non abbia ricevuto la mia lettera; del resto, ogni sera, dopo avervi scritto, preparo una lettera, e sapete quanto mi sia penoso, quando non è a voi che scrivo.
I miei più teneri pensieri e mille baci per i bambini; saluti a Marta.

Vostro                                                        Claude Monet


Nell'era della posta elettronica e degli sms sogno di riceve una lettera manoscritta... 
Magari d'amore... 
Conoscendo bene mio marito rimarrà solo un sogno però intanto ho appeso in corridoio questo pensile...
Chissà!

Pensile porta posta e chiavi shabby chic
Pensile porta posta shabby


Era in cantina da chissà quanto tempo, ricoperto da una patina color avorio veramente shabby, 
ma talmente sporco che ho dovuto comunque riverniciarlo.



Ho destinato la parte superiore alle chiavi di casa, 
così forse non avremo più la solita confusione sull'unica mensola disponibile nell'entrata!




Accipicchia! E' quasi ora di pranzo... 
In questi giorni non ostante la mia nota lentezza sono obbligata a correre sempre su e giù, 
gli impegni sono tanti, è iniziata la nuova avventura della scuola per Jacopo 
e da ieri sono anche più vecchia, le mie gambe urlano: " pietà!!! "

Un caro saluto a tutte le mie lettrici e un caloroso benvenuto alle nuove followers, baci.

  Vostra                                                          Silvia

Con questo post partecipo...


13 commenti

  1. Silvia..........! Che post tenero e dolce, così come l'oggetto che hai recuperato! Una meraviglia!!!! Hai ragione, ricevere le lettere è sempre un piacere! Io per fortuna, almeno ai compleanni scrivo ancora dei biglietti di auguri....e mi piace molto......certo però la lettera di Monet è tutta un'altra storia. Grazie per averla pubblicata e averci regalato un momento così! :)

    RispondiElimina
  2. Ciao Silvia,
    il tuo post è molto bello!!! Ho letto con piacere la lettera di Monet..hai ragione scrivere o ricevere è sempre piacevole.
    Bellissima anche la tua "buca" per la posta!!!
    A presto Patty

    RispondiElimina
  3. Cara Silvia,
    penso che la "nostra" casa debba accogliere i nostri pensieri e rispecchiarli in qualche modo. Chissà la tua quanti ne conterrà. Io per esempio, semino per casa le fantasie del momento. E ne posseggo tante e cicliche. Di tanto in tanto ho la sensazione di abitare in un giardino incantanto con tutta una serie di riferimenti fiabeschi, a volte romantici. Sono contenta di condividere questa predisposizione!
    Mi piace il tuo viaggiare nel tempo, tra pensieri, ricordi e citazioni. Monet era innanzitutto un uomo, e grazie a te ne abbiamo scoperto un aspetto.
    Un abbraccio
    Elisa

    RispondiElimina
  4. Mi piace,mi piace,mi piace!
    cosa? la cassetta...la lettera...il modo in cui l'hai presentata e...perchè da ieri sei più vecchia?per caso è stato il tuo compleanno?In tal caso...AUGURONI!!!
    Ciao Lieta

    RispondiElimina
  5. Il risultato è davvero incredibile! Chissà che tuo mariti non si invogli di più a scriverti qualcosina vedendolo...e comunque son tutti uguali!!!

    RispondiElimina
  6. Questa tenera e romantica Silvia...! A parte la cassetta per le lettere che è assolutamente deliziosa, cosa vorresti dire con "più vecchia"? Sei solo più "saggia", mettiamola così, non ti pare?? Un grandissimo "in bocca al lupo" a Jacopo per la sua nuova avventura scolastica! Vedrai, sarà un bell'impegno, ma quante soddisfazioni vederli crescere e diventare man mano sempre più autonomi!
    Un bacio grande dato col cuore!
    Maria Grazia

    RispondiElimina
  7. Riciao, ti scrivo anche oggi per dirti: passa dal mio blog perché c'è qualcosina che ti aspetta!!!
    Baci
    Maria Grazia

    RispondiElimina
  8. Ho capito, anche tu sei una romanticona nata nel secolo sbagliato...Ti auguro che questa bellissima cassetta possa presto contenere una piacevole letterina... invece delle solite bollette di utenze! Baci! Elena

    RispondiElimina
  9. Silvietta!!! Scusa il ritardo! Auguri!!!! Ma che bella la cassetta!!! E che effetto romantico... Vedrai che prima o poi ti arriverà la sospirata lettera... non dimenticare che adesso in casa hai uno studente in erba e appena imparerà a scrivere non vedrà l'ora di imbucare una bella letterina per la sua mamma...
    Un abbrraccio
    Livia

    RispondiElimina
  10. Le lettere vecchie conservano quel fascino che rimmarrà per sempre...
    Carina la tua cassetta..
    un saluto Elisa
    p.s. grazie per essere passata

    RispondiElimina
  11. bellissimo, complimenti

    giulia

    RispondiElimina
  12. BEllissima e romantica! Compimenti per aver lanciato anche tu il linky party...siamo tra le pioniere del genere in Italia...eheheheh...speriamo che diventi una consuetudine!
    baci

    RispondiElimina